Nov 112012
 

MANIFESTAZIONE AEROMODELLISTICA INDOOR AL PALAZZETTO DELLO SPORT DI SEDICO (BL)

DECENNALE

della manifestazione

VOLARE IN PALESTRA

DOMENICA 18 NOVEMBRE 2012

MANIFESTAZIONE AEROMODELLISTICA INDOOR
AL PALAZZETTO DELLO SPORT  DI SEDICO (BL)
10° edizione del raduno per aeromodelli radiocomandati Indoor
organizzato dal G.A.B. Gruppo Aeromodellisti Bellunesi
all’interno del Palazzetto dello Sport di Sedico (BL)
con inizio alle ore 9,30 e voli ininterrotti sino alle ore 18,00

Informazioni ed iscrizioni:

telefono: 0437/804120 – fax: 0437/444764

e-mail gab.belluno@gmail.com

Dall’autostrada A27 Mestre-Belluno uscita Belluno, indicazioni per Belluno-Sedico.

Da Padova-Vicenza passare per Pederobba-Busche, indicazioni per Sedico.

Da Trento-Bolzano strada Valsugana-Arsiè-Feltre-Busche ed indicazioni per Sedico.

Per chi è in possesso di GPS le coordinate geografiche sono:

N 46°06’59,3” – E 12°05’17,7”

Inizio raduno alle ore 9.30 e chiusura dei voli alle ore 18,00 circa.

Iscrizione obbligatoria entro il giorno 14 novembre 2012
inviando una e-mail all’ indirizzo
gab.belluno@gmail.com
telefonando allo 0437/804120 – faxando allo 0437/444764
con nome-cognome-gruppo appartenenza-frequenza/e-tipo modello/i.

ISCRIZIONE € 10,00 COMPRENSIVA DEL PRANZO AL RISTORANTE

COPERTURA ASSICURATIVA SPECIFICA FIAM O DI CLUB OBBLIGATORIA

INDISPENSABILE INDOSSARE SCARPE DA PALESTRA

Sarà dato particolare risalto ai voli di modelli autocostruiti, di riproduzioni, di acrobazia artistica e di elicotteri entro il limite del “500”, con disponibilità di impianto audio per esibizioni.

Al termine un simpatico ricordo a tutti i partecipanti e l’ oramai tradizionale e ricchissima lotteria.

Per chi avesse esigenze commerciali ( esposizione e vendita di propri prodotti ), solo previ accordi telefonici, sarà destinato uno spazio esclusivo separato dalla zona destinata a box dei partecipanti ma accessibile in tal modo a tutto il pubblico.

Solo per emergenza telef. 347/2659905

Dic 162011
 

Non hai un campo di volo dove volare?
L’erba della tua pista non è così curata per poter far correre il tuo modello?
Il tuo aereo non ha il carrello?

Non disperare! Si può facilmente lanciare a mano!
Ho elencato cinque semplici passi per perfezionare la tecnica.

Ricordati di lanciare sempre il modello contro vento. Non lanciare mai sottovento (con il vento in coda) perché andrai incontro ad un sicuro fallimento.
Ogni modello ha il suo modo di essere lanciato, alcuni senza motore e altri con il motore al massimo, leggermente verso il basso oppure con un bel angolo di salita. Questa è una guida generica e come tale va interpretata.
Attenzione comunque al peso del modello, per certi modelli la fionda, la rampa oppure il rullaggio in pista sono d’obbligo!

  1. Accendere il trasmettitore e il ricevitore, quindi aggiungere un paio di tacche di trim a cabrare (in alcuni modelli non è necessario, ma in altri ho creato una condizione di volo apposita!).
  2. Afferrare il modello con presa salda, e tenere il trasmettitore con l’altra mano in modo da poter aver qualche tipo di comando sul radiocomando.
  3. Fare un paio di passi contro vento e lanciare il modello in maniera decisa leggermente verso l’alto.
  4. Appena lanciato il modello portare la mano sul radiocomando in modo da avere tutti i comandi a disposizione.
  5. Non distogliere lo sguardo del modello. Se il modello inizia a salire troppo, aggiungere qualche tacca di trim a picchiare (anche per compensare quelle che avete messo al primo punto). Se il modello tende a rollare o a virare, cercate con alettoni o il timone, di correggere subito questa tendenza in modo da tenerlo con una salita costante e ali livellate. Se potete non virate fino a quando il modello non è ad una quota di sicurezza (circa 20 – 30 metri).

A questo punto siete in volo (o almeno si spera)!!! 😀

Ecco Fabio che lancia il suo F-86 Sabre... un lancio esemplare!!!

Purtroppo un ala bassa non è facile da tenere in mano per un lancio sicuro. Bisogna afferrare il modello sulla fusoliera, dietro le ali, oppure lo si può prendere sopra l’ala e il lancio avverrà con un angolo subdolo di circa 20 gradi verso l’alto. In entrambi i casi il modello è a rischio, nel primo caso di andare direttamente verso il basso a picchiare, nel secondo caso di essere lanciato con un angolo troppo alto e stallare immediatamente.

La soluzione migliore è farsi lanciare il modello da un amico, che lo tiene con 2 mani e potrà fare una leggera corsa per un lancio sicuro.
Naturalmente il lancio a mano ha sempre delle difficoltà e solo l’esperienza vi darà sicurezza, all’inizio vi conviene sempre farvi aiutare da un amico, in modo da concentrarsi su una sola cosa: il pilotaggio!!!

Ma attenzione: se il decollo è opzionale, l’atterraggio è sempre obbligatorio… magari ne parliamo in un altro articoletto!!!

Nov 302011
 

Autore: Paolo “NonnoPaolo”

Il giroscopio utilizzato nell'articolo

Era da un pò di tempo che volevo togliermi lo sfizio di provare un giroscopio montato sul timone, questo perché tempo addietro trovavo delle difficoltà a governare il decollo del mio J3 Cub da 1,70 di a.a..

Alla fine, ho acquistato un gyro economico (Hobby King 401B AVCS Digital Head Lock Gyro), l’ho montato sul canale 6 della mia MPX Cockpit Sx (canale spoiler), ho regolato il gyro su 25% di delay e 100% di limit, inoltre ho modificato il guadagno del gyro agendo sull’escursione del canale 6 al 25%; il tutto in modalità RATE (e non HH).
Il risultato è stato quello atteso: decolli perfettamente rettilinei, a piena potenza e senza correzione di coda.
In volo poi, o disinserisco il gyro oppure volo con il gyro inserito: nel secondo caso devo sempre ricordarmi di aiutare le virate agendo sempre anche sul timone (cosa che comunque faccio sempre per abitudine), altrimenti in virata il gyro tenderebbe a non fare virare l’aereo!

Il giroscopio sul timone, se ben tarato, può essere di aiuto sia nel decollo che nell’atterraggio, inoltre vi aiuterà nel volo rettilineo.
Il prossimo passo è montarlo sul piper (non l’ho fatto subito perché l’elettronica del Piper al momento fa volare l’Extra 300). 😉

Manuale Hobby King 401B AVCS Digital Head Lock Gyro

Nov 152011
 

MANIFESTAZIONE AEROMODELLISTICA INDOOR AL PALAZZETTO DELLO SPORT  DI SEDICO (BL)

9° edizione del raduno per
aeromodelli radiocomandati Indoor
organizzato dal G.A.B. Gruppo Aeromodellisti Bellunesi
all’interno del Palazzetto dello Sport di Sedico (BL)
con inizio alle ore 9,30 e voli ininterrotti sino alle ore 18,00

Informazioni ed iscrizioni:

telefono: 0437/804120 – fax: 0437/444764

e-mail gab.belluno@gmail.com

Dall’autostrada A27 Mestre-Belluno uscita Belluno, indicazioni per Belluno-Sedico.

Da Padova-Vicenza passare per Pederobba-Busche, indicazioni per Sedico.

Da Trento-Bolzano strada Valsugana-Arsiè-Feltre-Busche ed indicazioni per Sedico.

Per chi è in possesso di GPS le coordinate geografiche sono:

N 46°06’59,3” – E 12°05’17,7”

 

Inizio raduno alle ore 9.30 e chiusura dei voli alle ore 18,00 circa.

Iscrizione obbligatoria entro il giorno 16 novembre 2011

inviando una e-mail all’ indirizzo gab.belluno@gmail.com

telefonando allo 0437/804120 – faxando allo 0437/444764

con nome-cognome-gruppo appartenenza-frequenza/e-tipo modello/i.

ISCRIZIONE € 10,00 COMPRENSIVA DEL PRANZO AL RISTORANTE

COPERTURA ASSICURATIVA SPECIFICA FIAM O DI CLUB OBBLIGATORIA

INDISPENSABILE INDOSSARE SCARPE DA PALESTRA

 

Sarà dato particolare risalto ai voli di modelli autocostruiti, di riproduzioni, di acrobazia artistica e di elicotteri entro il limite del “500”, con disponibilità di impianto audio per esibizioni.

Al termine un simpatico ricordo a tutti i partecipanti e l’ oramai tradizionale e ricchissima lotteria.

Per chi avesse esigenze commerciali ( esposizione e vendita di propri prodotti ), solo previ accordi telefonici, sarà destinato uno spazio esclusivo separato dalla zona destinata a box dei partecipanti ma accessibile in tal modo a tutto il pubblico.

Solo per emergenza telef. 347/2659905

Nov 132011
 

Osmose 70 EP Kyosho

Questo stupendo modello acrobatico è stato disegnato dal quattro volte campione del mondo di F3A: Paysant-Le Roux.
La livrea è sicuramente molto accattivante, porta sul timone la bandiera Argentina, per testimoniare il piazzamento nel torneo mondiale di acrobazia di precisione del 2006. Altro aspetto che spicca subito all’attenzione anche del più distratto è il “canalizer”, quella superficie aerodinamica che si vede sul dorso del modello.

Perché un F3A?  Se ve lo chiedete è perché non ne avete mai provato uno…
Un modello da F3A è in assoluto il mezzo più facilmente gestibile e senza difetti di volo che esista. Lo stallo è nullo, lo si può portare a fare acrobazia veloce oppure a zonzo per il campo a meno della velocità di un trainer. Insomma il modello ideale anche per chi vuole fare gare di acrobazia artistica, ma per assurdo, il modello da avere per il volatore della domenica, che vuole divertirsi senza stress!

La qualità e la robustezza kyosho sono una sicurezza. Tutte le parti sono ben realizzate e ricoperte con precisione. Naturalmente sono presenti tutte le minuterie necessarie a terminare il modello.

Osmose 70 EP Kyosho

Osmose 70 EP Kyosho

Osmose 70 EP Kyosho

Questa volta ho solo assemblato il modello perché l’ho preso “usato” da un utente del forum del Barone Rosso. Il lavoro è comunque semplice e ben descritto nel manuale. Procedendo con la solita calma, ma con precisione ci si troverà il modello completato in poche sere di lavoro rilassato.
Se posso fare una piccola considerazione, riguarda il modo con cui le ali vengono tenute al modello. Ormai ci siamo abituati al sistema con baionetta, un paio di perni antirotazione e le viti in plastica che tengono le ali in posizione. Nel Osmose invece utilizziamo il vecchio sistema: due ganci (uno per ala), che grazie ad un elastico, tengono unite tra loro le ali alla fusoliera.

Per quanto riguarda l’elettronica sono stati scelti 4 servi digitali Hitec. Il motore è un  Turnigy da TR42-60C da 500kv, il regolatore sempre Turnigy da 80A.  E’ stata montata un ogiva in alluminio e un elica APC-E 12×6. Per le batterie ho scelto le mie Thunder Power da 3850 mAh 6s 45C che ho già in casa. In questa configurazione si sviluppano circa 1200 Watt.
Il peso in ODV è di circa 3000 gr., un po’ al disopra del peso previsto dal manuale che parla di 2400-2500 gr.. L’aver usato componenti un po’ troppo potenti (e quindi pesanti), per avere ottime prestazioni non è sempre un ottimo compromesso.

Osmose 70 EP Kyosho

In volo il modello sembra un vero F3A, preciso e molto prevedibile. Le figure scorrono con facilità, grazie alla sua fusoliera il volo a coltello è una formalità. Forse a causa del peso che ho raggiunto il modello ha uno certo stallo, a velocità ridottisima (praticamente fermo) ma speravo di riuscire a non averlo… o almeno ad ottenere quel comportamento per cui il modello sprofonda letteralmente nell’aria. Niente di grave, capiamoci, anzi il peso in un modello in cui non si ricerca il 3D e la leggerezza estrema, lo rende più preciso nelle manovre e meno influenzabile dal vento.

Magari vi starete chiedendo se avrei potuto risparmiare peso, sicuramente sì, ma la struttura del modello più robusta, richiede potenza, e la potenza che ho a disposizione è più che sufficiente ma non esagerata. Il nostro soggetto compie salite verticali infinite senza problemi e tenendolo in hoovering (una sorta, perché le superfici non permettono il controllo che si vorrebbe), risale senza problemi, questo per chiarire la potenza che ho a disposizione.

Osmose Kyosho è un bel modello, pensate che nel volo di collaudo dopo un breve giro per trimmarlo ho già potuto divertirmi con un bel cerchio a coltello, tanto è la sicurezza che il modello infonde.

In conclusione vi consiglio il modello, perfetto per chi vuole allenarsi con un F3A, ideale anche per chi vola solo la domenica e vuole un modello facile e prevedibile ma che sia in struttura “classica”.

Osmose 70 EP Kyosho

Osmose 70 EP Kyosho al campo di volo

Nov 032011
 

L’abito non fa il monaco, ovvero grandi prestazioni con piccole dimensioni!

 –

Extra 300 3D UMX

Questo modello è uscito lo scorso anno, personalmente non lo presi perché andavamo verso la bella stagione e dopo il 4Site gli preferii il Beast (con il quale avrò raggiunto circa 50 voli all’esterno, con mio divertimento e sempre lo stupore di chi lo vede volare). L’ho preso adesso perché andando verso la brutta stagione diventerà un modello molto richiesto per il volo indoor. Il mio scopo è volare nel tunel condominiale che porta ai garage, non avendo a disposizione una palestra.
Cosa fondamentale, per utilizzarlo abbiamo bisogna di una trasmittente Spektrum.
Extra 300 3D UMX è un micro modello che nasce per il 3D estremo indoor, con un suo peso dichiarato di soli 33 gr. in ordine di volo. Lo studio di questo modello è stato fatto ad opera di Seth Arnold, uno degli assi americani del 3D!

Extra 300 3D UMX

La confezione che vi arriva a casa

Extra 300 3D UMX

Il contenuto della scatola, la batteria in dotazione è una!

Il peso ridotto è dovuto ad una struttura ridottissima, pensate che l’espanso utilizzato è pochissimo e tutto alleggerito, ricoperto da uno sottilissimo strato di pellicola. Infine è rinforzato per sostenere le manovre più estreme da vari listelli di carbonio.
La batteria fornita è una 150mAh 1 cella Li-Po.
Il motore è un coreless a spazzole di 8,5mm di diametro, ridotto. La ricevente è la spektrum AR6400L con integrati due servi per le superfici di coda, e 2 servi AD2000L per gli alettoni montati sulle ali.
Infine sono previsti 2 Side Force Generators (Generatori di portanza laterale) opzionali. Dovrebbero migliorare la precisione e la facilità di alcune figure come il coltello, a discapito di qualche grammo in più in ODV.

Il modello viene fornito totalmente pronto al volo, come la serie UMX ci ha abituato… dovrete solo caricare la batteria, impostare la vostra radio e volare!
Meno di così proprio non si può!!!
La scatola è fondamentale per il trasporto del modello e il suo stoccaggio, dato che è davvero fragile.

Extra 300 3D UMX

Il confronto con il Beast UMX

In volo è impressionante, Extra 300 3D UMX è un modello davvero fantastico, senza limiti, li impone il pilota con il suo livello di volo.
Nel primo volo, dopo un breve giretto e averlo messo subito con le massime escursioni, sono riuscito in bel hoovering. Davvero fin troppo facile, le ampie superfici e il peso ridotto permettono davvero di tutto. Extra 300 tollera anche di tirarsi fuori da grossolani errori che la sicurezza del modello comunica.
Insomma è un 3D di razza, ad una dimensione tascabile ed a un costo contenuto.

Se poi avete una palestra a disposizione, non avete scuse… EXTRA 300 3D UMX è il modello da avere!

Ott 262011
 

Ecco una parete del mio garage dove tengo i modelli… questa è la “parete acro e modelli veloci” (si, quello che si vede poco è un BaioJet). Appesi come salami, ma che ci volete fare, lo spazio è sempre tiranno e il garage serve per le auto!
Che dite, mia moglie ha ragione ad arrabbiarsi? 😆


Ott 192011
 

Un grazie a “ivan-edffer” del Forum BaroneRosso per il video…

Bella davvero l’idea di volare in formazione con 4 F-18 Blue Angels, peccato per il risultato! 😆


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...