Gen 032011
 

Semi-riproduzione tutta in fibra

Rafale HET 01

Il Rafale HET è un modello molto interessante, la mia esperienza è stata molto controversa ma alla fine davvero entusiasta.

Questo kit, è riuscito a catturare la mia attenzione per l’aspetto così elegante e le splendide linee del Rafale così ben riprodotte!

La fusoliera in fibra e le ali in polistirolo, ricoperte di obece e poi in simil ora cover rendendo il tutto davvero robusto.

Rafale HET 02

Ecco cosa arriva casa

Quando presi il modello, era già uscito da circa 1 anno. Per questo sono partito subito da una motorizzazione davvero spinta. Ho scelto le solite due ventole Het abbinate non ai motori 4W come consigliato da manuale, ma ai ben più potenti 2w-20. I regolatori li scelsi da 60 A l’uno. Infine optai per un pacco batterie leggerissimo… 4 celle 3850 Thunder Power 30C.

Gli assorbimenti per la singola ventola non sono altissimi, circa 40 A di consumo al massimo a gruppo propulsivo. Sommando le due ventole abbiamo quasi 1200 watt di potenza! Si deduce che con il pacco batterie scelto mi garantisce solo 3 minuti sicuri

Per i servi ho gli Hitec con profilo piatto, molto adatti all’installazione sulla sede prevista.

La costruzione è semplice se si segue il manuale, anche se c’è bisogno di un po’ di manualità in alcuni punti. In rete si trovano alcuni building-log molto esaurienti, dove viene spiegata anche la possibilità di mettere i carrelli al modello. Saranno necessarie circa una decina di ore con tutto il materiale a disposizione lavorando bene ma senza affanno!

Se volete si possono fare alcune note alla costruzione. Dovrete prestare attenzione agli incollaggi tra legno e fibra, magari grattando le fibra per migliorare la superficie di contatto e rendere più sicuro l’incollaggio.

Fate attenzione alla posizione delle ventole ed al loro condotto di scarico, in modo da avere una spinta allineata al modello. Inoltre si può disporre l’elettronica al meglio per sistemare i pesi. Nel mio modello alla fine avevo i due regolatori sopra i condotti di scarico e la ricevente in mezzo alle due ventole. L’unico filo che arrivava sotto la capottina era quello di alimentazione. La batteria era abbastanza avanzata ma neppure troppo. Le escursioni vanno bene quelle da manuale, e lo stesso per il centro di gravità, anche se io ho preferito avanzarlo e non utilizzare gli elevoni alzati in decollo. Un po’ di esponenziali in più non guastano anche se lì si va sul personale, ma quando il volo è veloce è meglio essere prudenti.

Cosa fondamentale è il lancio con catapulta, il gancio è perfetto nella posizione stabilita. Vedendo un video su youtube in cui avveniva il lancio a mano ho voluto provarlo anch’io. Il risulato è stato piantare il modello in terra con necessaria rifibratura del muso!!!

Quindi ho deciso di ricolorarlo per dargli un tocco personalizzato.

Rafale HET 03

Il Rafale Het ricolorato

Rafale HET 04

Un altra immagine del Rafale Het ricolorato

Posso affermare che è un ottimo modello, adatto però a piloti già esperti. Per metterlo in volo sarà necessario spendere un po’ di più visto che tutta elettronica è doppia… ma ne vale davvero la pena, accelerazioni del genere sono una scarica di adrenalina che vi ripagherà del lavoro svolto!!!

Questi video non sono miei, ma il modello è il mio!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

  4 Responses to “Rafale HET”

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)