Giu 152012
 

Testo e foto di Sandro Cacciola

STAZIONE RIFORNIMENTO KEROSENE EVOJET STATION

Tipo: Tanika rifornimento kerosene per turbine
Adatto a: Modelli Jet a turbina
Dimensioni: 24mm x 40mm x 28mm
Voltaggio operativo: 7-15 volts. Pompa Orbit e pannello digitale di controllo
Produttore: EvoJet (http://www.evojets.de/)
Prezzo indicativo: 160 euro circa

 

Kerosene EvoJet Station

Non indispensabile ma sicuramente molto comoda, efficiente e ben realizzata; unico neo forse un po’ cara. E’ la stazione di rifornimento “EvoJet Station” commercializzata dall’azienda tedesca EvoJet (http://www.evojets.de/)  e destinata in particolar modo agli utilizzatori di modelli a turbina e dunque alimentati a kerosene (è comunque possibile rifornire anche maximodelli con motori a benzina). Se non volete “scomparire” al campo con l’inflazionata e anonima tanika di rifornimento, questo è quello che fa per voi.

La Evojet Station è composta da un contenitore da 20lt in plastica rinforzata di colore azzurro scuro (le dimensioni sono 24x40x28 cm.) alla quale è stato accoppiato un “pannello” in alluminio anodizzato color bronzo chiaro nel quale trovano posto una pompa di rifornimento, un interruttore a tre vie (kero in – spento – kero out) e una spia a led che indica lo stato dell’alimentazione della pompa. La pompa installata è di buona qualità: si tratta di una Orbit RFP600 con portata fino a 2,2lt/min che può essere alimentata da 7 a 15 volt e abbastanza silenziosa. Per l’alimentazione il dispositivo accetta sia batterie Li/Ni sia NiMh oppure Li-Po. Le batterie trovano posto sotto la “basetta” in alluminio bloccate con una fascetta in velcro e facile dunque da essere rimossa per la ricarica. La Evojet Station viene fornita con i raccordi festo da 4mm ed i tubi speciali per kerosene, tra cui quello per il rifornimento del modello “spiralato” e dunque meno ingombrante ed un filtro nel pescaggio nella tanika. In dotazione anche un cavo con spina Multiplex da saltare alla batteria per l’alimentazione ed un tappo ausiliario che può sostituire quello con i tubicini durante i lunghi tragitti.

Il dispositivo elettronico che gestisce la portata della pompa è digitale e consente una erogazione da 0 al 100% in maniera molto lineare con un controllo accurato; particolarmente comodo per calibrare l’intensità del flusso durante il riempimento del serbatoio della turbina, operazione che deve avvenire evitando la formazione di bolle d’aria; grazie al fianco della manopola di controllo della velocità è situato un commutatore a levetta che consente sia il reverse che lo stop della pompa. Il funzionamento, come accennato, è segnalato anche da un led rosso.

In definitiva si tratta di una configurazione abbastanza classica per una stazione di rifornimento, comoda e funzionale, di bell’aspetto ma sicuramente non per tutte le tasche.
Ma si sa che, anche in questo hobby, sono i dettagli che possono fare la differenza!

Tutte le foto dell’articolo:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)