Giu 102011
 

Autore: Clayrega

RV-9 450 ARF

E’ l’ultimo arrivato nel mio hangar e si è già accaparrato le mie simpatie, sia per le sue caratteristiche estetiche che, soprattutto, di volo.
In aria è stabile, preciso, realistico e con buone capacità di effettuare l’acrobazia da riproduzione.
Motorizzato con un economicissimo XYH 3536 1000kv, elica 10x7E e lipo da 2250, ha birra da vendere e la maggiorparte del volo avviene a 3/4 di gas.
E’ dotato di flaps che sono superflui in decollo ma molto utili in atterraggio. Tra l’altro l’estrazione dei flaps non scompone quasi per niente l’assetto di volo.
Consigliato a tutti i volatori della domenica (ma anche del sabato) ;-), che ricercano un volo divertente ma anche rilassante.

NB: …non fate caso alla livrea che vedete nelle foto, quella di serie non mi piaceva e mi sono divertito a personalizzarla!

Sito E-Flite RV-9 450 ARF

Feb 162011
 

Il trainer ideale per imparare e migliorarsi!

ParkMaster 3D

La Multiplex ci ha stupito in questi anni sfornando un modello dopo l’altro. Tutti modelli godibili e davvero indovinati.

Si parte dal materiale con cui sono costruiti: l’ELAPOR (marchio registrato da Multiplex) una speciale schiuma iniettata nello stampo. In pratica sembra un EPP ma ancora più solido e denso, a memoria di forma. La fusoliera e tutte le parti che compongono il modello arrivano bianche e ben definite, non ci sono sbavature. Inoltre viene fornita tutta la minuteria per completare il modello.

Il modello si dovrebbe montare in 3-5 ore e i lavori da fare sono simili a tutti i modelli di questo tipo.

Motore, regolatore e servi vengono lasciati alla scelta dell’acquirente. La multiplex fornisce un proprio gruppo propulsivo adatto al modello e consiglia il materiale da acquistare per terminarlo. Per il gruppo propulsivo potrete prendere uno con caratteristiche simili (calcolate che possa reggere 200 watt).

Personalmente ho preso il motore consigliato Multiplex. Per i servi consiglio qualcosa di più dei soliti 9 grammi, magari più veloci se vogliamo un modello che ci segua nelle manovre più impegnative. Per il timone meglio utilizzare servi con ingranaggi metallici, necessari per atterrare in un prato (io ne ho sgranati 2 prima di acquistare qualcosa di serio, in fin dei conti non ha il ruotino posteriore e corre sul timone!). Vanno bene anche dei normali Hitec HS-55 o i Tower-Pro HXT900.

Le istruzioni delle multiplex sono molto complete e seguendole vi troverete il modello completo in poche ore. Soliti lavori che procedono speditamente grazie al perfetto incastrarsi delle parti e alla velocità di incollaggio data dalla ciano media con attivatore (usate questa combinazione per le parti del Parkmaster 3D). Per il fissaggio dei servi mi sono affidato alla colla a caldo, veloce e facilmente asportabile se dovrete sostituire un servo.

Se proprio volete metterci del vostro potrebbe essere necessario del carbonio per l’ala e per il piano di quota. Ho rinforzato i rinvii perché alcuni erano lunghi (in pratica ho inserito il rinvio in dotazione in un tubetto in carbonio, per avere più rigidità e quindi meno giochi). Magari un rinforzino al carrello, sempre se atterrate in un prato.

Ma nessuna modifica è davvero necessaria in quanto il modello è perfetto così!!!

Per la batteria ho scelto una 3 celle 1000 mAh 25C, che mi fornisce la potenza necessaria e un peso ridotto (solo 90 grammi). Bisogna calcolare che il motore Himax 2816-0890 consuma 15 Ampere al massimo con l’elica APC E 11×5,5. Questo ci dà un autonomia di 4-5 minuti a pieno gas, ma calcolando che il modello vola con ¼ di gas, si potrebbe volare quasi 15 minuti! Io preferisco impostare il timer a 5 minuti e scendere con ancora potenza a disposizione (inoltre non scaricando del tutto le batterie ad ogni volo se ne allunga la vita!) Ho posizionato le batterie in modo che il modello fosse bilanciato come indicato sul manuale. Il mio esemplare pesa 470 grammi senza batteria e circa 560 grammi in ordine di volo.

Infine una precisazione: se volete il Parkmaster settato per il 3D, dovrete fare dei settaggi ulteriori ma se invece ci volete solo volare andrà tutto bene così. Possibilmente per il 3D usare servi con bracci più lunghi possibili, infine utilizzare il buco sulla squadretta più vicino al modello (personalmente ho utilizzato il penultimo). Calcolate anche di aumentare gli esponenziali rispetto al manuale. Ma qui si va sul personale…

Per il collaudo scegliete una giornata senza vento in modo da poterlo trimmare accuratamente. Il modello non riserva sorprese e lo troverete docile e semplice da portare. E’ ideale per cominciare con l’acrobazia classica ma si rivela un compagno necessario per imparare qualcosa di più e fare del volo 3D. Il Parkmaster 3D della Multiplex è davvero una “sala giochi” e permette l’esecuzione di qualsiasi figura acrobatica (il limite siamo noi…). Ha una stabilità notevole per un modello di queste dimensioni ed un “look” piacevole. Perfetto da avere sempre nel bagagliaio dell’auto!

Feb 162011
 

Diablo 3D

Autore: Antonio Rudello

Mi permetto di scrivere questa piccola guida per tutti quelli che, come me, vorrebbero costruire un modello in depron ma non sanno da dove partire. Premetto che non sono molto esperto, inoltre quando sono partito non ho trovato tutte le informazioni che mi servivano. Ma alla fine ce l’ho fatta, ed ora vorrei aiutare qualcun’altro a provare l’emozione di costruire un modello e poi a farlo volare!

La prima cosa da fare è ordinare le proprie idee e capire che cosa si vuole fare. Consiglio di cercare un progetto che abbia un’apertura alare di minimo 90 cm. Molti sono i motivi di tale scelta: materiali economici, facilità di trasporto e poi volano bene!

La mia scelta è caduta su un progetto della 3Dbatix.com: il diablo 3D.

Il progetto in formato PDF è disponibile nei link.

Scaricato il progetto, dovete stamparlo. Se preferite andate in tipografia o in qualche negozio che eseguono stampe e fate stampare il progetto intero. Se invece decidete di stampare a casa su normali fogli A4, ricordate che su opzioni di stampa dovete togliere tutte le limitazioni della stampa, altrimenti vi viene più piccolo! Una volta stampato unite i fogli con del nastro. Vi ricordo di verificare che le dimensioni corrispondano, infatti ho buttato via una lastra di depron perchè al posto di avere 94cm di apertura alare ne aveva 85cm… quindi occhio alla stampa!

Bene, ora procuratevi il depron nei negozi di materiale edile o nei colorifici. Di solito il depron viene venduto in lastre con spessore di 3 o 6mm (l’ho trovato anche da 5mm). Consiglio in questo progetto di farlo tutto da 6mm anche se mettono che il pezzo centrale va di 3mm. Ritagliate tutti i pezzi che avete stampato e fissateli con del nastro sul depron. Cominciate a segnare i vari pezzi che poi taglierete pian piano con un normalissimo cutter (con lama nuova). Ricordate di andare piano nel taglio, non incidete con forza altrimenti il bordo che tagliate si rovina (fate qualche prova su pezzi di depron che scartate così vi fate un’idea).

Diablo 3D 02

Diablo 3D 03

Diablo 3D 04

Ora che avete tagliato tutti i pezzi, dovrete inserire sulle ali e sulla coda, come illustrato nel progetto, un tondino di carbonio da 3mm. Quindi fate un’incisione lungo tutta l’ala come è segnato nel progetto in modo da affondare il tondino di carbonio. Incollatelo con la colla apposita per polistirolo che trovate in ferramenta e una volta asciugato, coprite il carbonio con del nastro a rete che trovate sempre in ferramenta (in altre foto vedrete come io ho coperto il carbonio).

Diablo 3D 05

Diablo 3D 06

Adesso potete colorare come meglio preferite tutti i pezzi. Attaccate alle ali gli alettoni, alla coda l’elevatore e il timone. Per fare un buon lavoro, dovrete smussare gli alettoni, l’elevatore e il profondità. Fate in modo che l’angolo vicino alla coda o all’ala si possa muovere senza intralci: usate un nastro a rete per attaccare i pezzi che dovranno fare la funzione di una cerniera (tipo quella delle porte). Qui in basso vedrete come posizionare il nastro.

Diablo 3D 07

A questo punto si comincia ad incollare il tutto. Quindi prendete un servo che sarà quello che comanderà gli alettoni, incollatelo davanti nell’apposito buco sulla “fusoliera”. E’ il pezzo dove avete messo il carbonio sulla coda, nel progetto lo fanno da 3mm. Per questo tipo di incollaggio usate colla epossidica (altri tipi di colle sciolgono il modello). Scegliete voi la colla adatta, io uso quella da 15 minuti. Poi con la stessa colla incollate il pezzo sopra (quello dove è disegnata la cabina di pilotaggio). Si incastrerà sull’altra parte della “fusoliera” dove avete incollato il servo. Vi consiglio di fissare i due pezzi con del nastro carta, in modo che restino perfettamente dritti e un po’ in pressione. Una volta asciugato, incollate le ali (con la colla per polistirolo) sotto al pezzo dove c’è il servo per gli alettoni. Trovate il sistema di mettete le ali in pressione con il resto del modello che avete già incollato. Quando si è asciugato, incollate il pezzo sotto della “fusoliera”, dove poi monterete i servi per elevatore e coda (servi da fissare con la colla epossidica).

Diablo 3D 08

Diablo 3D 09

E’ arrivato il momento di costruire con del legno da 3mm il supporto per il motore. Ricalcate il parafiamma del progetto sul legno e tagliatelo. Fissate la base del motore sul legno e inseritelo nel muso dell’aereo. Consiglio di fissarlo con della colla epossidica, per sicurezza ho tagliato del depron per fissare meglio il motore a tutto il resto dell’aereo, come vedete nelle foto.

Diablo 3D 10

Diablo 3D 11

Diablo 3D 12

Diablo 3D 13

Ora bisogna collegare i servi agli alettoni, all’elevatore e al timone. Incollate le 4 squadrette sui punti segnati dal progetto sugli alettoni, elevatore e timone (con la colla per polistirolo). Prendete del filo di acciaio armonico in ferramenta da 1mm e costruite 8 pezzi come quelli in foto. Tenendo i piani mobili dritti, tagliate del tondino di carbonio da 2mm che vada dalla squadretta al servo. Unite il carbonio con i pezzi di acciaio che avete già piegato con della guaina termo-restringente (che trovate in ferramenta o nei negozi di materiale elettrico). Scaldatela e vedrete che è più facile da fare che da spiegare, eseguite questa operazione per tutti i piani mobili (consiglio anche di inserire della colla prima di far restringere la guaina).

Diablo 3D 14

Diablo 3D 15

Diablo 3D 16

Passiamo all’elettronica: saldate le connessioni dorate “banana” (maschio sui 3 fili del motore). Maschio perché: se saldate la femmina può essere che scollegando il motore senza aver staccato la batteria, avete ancora corrente sul regolatore e se si toccassero i maschi sul regolatore (che non sono ricoperti di termo-restringente) buttate via regolatore, batteria e tutto il resto. Dopo aver saldato, ricoprite di termo restringente le connessioni maschio sul motore e femmina sul regolatore. Poi saldate i contatti deans sulla batteria e sui 2 fili del regolatore (quelli appunto collegati alla batteria). Ricordatevi di collegare la femmina sulla batteria e i maschi sul regolatore, praticamente l’opposto di quello che avete fatto per il motore. Procedura necessaria per il fatto che non si possono lasciare scoperti i contatti della batteria e se si toccano i contatti o vanno a toccare qualcosa di conduttivo, butti via tutto. Isolate sempre le saldature con la guaina termo-restringente (importante se modificate la batteria, tagliate e saldate sempre solo un filo alla volta in modo da evitare contatti tra i due fili). Collegate alla vostra ricevente i servi e il regolatore: ricordate che il filo più scuro sui servi è il negativo, quindi occhio anche qui alle polarità. Fissate la batteria, il regolatore e la ricevente con del velcro adesivo all’aereo. Per il montaggio dell’elica usate un mozzo salva elica. Se avete una radio 2.4 Ghz fate il bind. Fate poi le dovute regolazioni. Controllate che il motore giri per il verso giusto in caso contrario invertite due dei fili del motore che vanno al regolatore. Controllate che gli alettoni, l’elevatore e il timone si muovano nel verso giusto. Per capirlo dovete posizionarvi dietro la coda dell’aereo: se spostate lo stick degli alettoni verso sinistra l’alettone sinistro si alza, se spostate lo stick del timone a sinistra il timone dal centro si muove a sinistra, infine se spostate lo stick dell’elevatore verso il basso l’elevatore dal centro va verso l’alto.

Nel progetto ho escluso il carrello visto che non mi serve. Io lo lancio a mano e per di più è peso inutile. Inoltre ho messo alcuni rinforzi in carbonio da 2mm in coda e sulle ali come vedete in foto.
Il materiale necessario:

  • Un motore da 150 o 180w
  • Elica 10×4.7 slow flyer (comunque un elica adatta al motore)
  • 3 servi da 9 grammi
  • Regolatore da 25 A
  • Una o due batterie da 1050mAh a 3celle
  • 2 metri di tondino di carbonio da 2mm
  • 90cm di tondino di carbonio da 3mm
  • 50cm filo in acciaio armonico da 1mm
  • Guaina termo restringente per i fili e per i rinvii dei servi
  • Depron da 6mm
  • Mozzo salvaelica (il diametro dipende dal motore che avete scelto)
  • Legno da 3mm
  • Colla epossidica
  • Colla per polistirolo
  • Nastro a rete
  • Nastro di carta
  • 4 squadrette
  • Velcro biadesivo

Spero di essere stato chiaro e che qualsiasi domanda abbia la sua risposta.

Mi auguro di esservi stato utile!

Buona costruzione, buoni voli e felici atterraggi a tutti!!!

Diablo 3D 17

Diablo 3D 18

Diablo 3D 19

Diablo 3D 20

Diablo 3D 21

Diablo 3D 22

Diablo 3D 23

Diablo 3D 24

Video del collaudo del Diablo 3D

Progetto completo Diablo 3D

Progetto completo Diablo 3D in A4

Gen 022011
 

Bellissimo acrobatico 3D


Extra 330S Flinton 01

Flinton è un azienda che produce fantastici modelli acrobatici ARF in grado di fare 3D, come questo che vado a descrivere.
Extra 330S è uno degli acrobatici che preferisco, la riproduzione in scala è molto ben riuscita. Il ki è ARF, balsa leggerissima tagliata al laser. La copertura è eseguita molto bene e ottima è la scelta dei colori e del disegno della livrea. Rimangono da attaccare le decals a proprio gusto personale.


Extra 330S Flinton 02

Il contenuto della confezione

Il modello l’ho completato seguendo le istruzioni in poche sere di lavoro tranquillo.
Ho apportato però alcune modifiche:

  • Attacco delle semi-ali con la fusoliera: ho aggiunto due pezzi di balsa per migliorare l’incollaggio eseguito con colla bicomponente.
  • Carrello: bello, ma mi sembrava troppo debole nella parte più sollecitata, cioè l’attacco con la fusoliera. Aggiunti 2 triangolini di legno nella parte inferiore all’attacco del carrello e un pezzo di balsa per rendere più solido il tutto.
  • Piano di quota: da istruzioni l’unione dei due pezzi avviene per 1 cm totale di contatto, facendolo sembrare molto da slow flyer e poco da modello 3D preciso e solido. Ho risolto attaccandolo come da istruzioni, ma aggiungendo un pezzo di carbonio da 3mm. Occhio a dove lo posizionate, dovete permettere al tutto di muoversi una volta montato.

Come servi ho usato i soliti Hs-55, per il motore ho scelto un Hacker A20-20L e un regolatore da 20A. Ho tolto le belle “scarpette” in fibra perché uso un campo di erba.
Alla fine il modello completato pesava senza batteria 538 grammi.
Ho scelto un elica 10×4.7 APC. Il consumo massimo è di 19 A.


Extra 330S Flinton 03

Il modello completato

Se riuscite a rimanere leggeri con le batterie non risulta critico in nessuna manovra.
Con le 1320 Thunder Power di soli 89 grammi non riuscivo a bilanciare il modello. Alla fine ho dovuto utilizzare le 2100 TP di 145 grammi.
Il baricentro consigliato dalle istruzioni si è dimostrato troppo avanzato ma va bene per cominciare a cercare il proprio set-up ideale. Ho trovato il miglior compromesso, anche per volo 3D, a 80-90mm dall’entrata alare.
Utilizzo le classiche due condizioni di volo, una per decolli e atterraggi e una più spinta per il 3D (almeno quello che riesco a fare), entrambe con esponenziali.
Naturalmente si scende sul personale, chi lo preferisce più reattivo e chi più dolce, per i più raffinati si imposta la terza condizione di volo per certe manovre.

In volo il modello è davvero godibile, non soffre di stalli critici. Il limite penso sia solo legato all’abilità dei “pollici” di chi lo porta in volo. Magari non è perfetto per Hoovering e per il volo a coltello, ma il problema è dovuto al fatto che è la riproduzione del Extra 330.
Se la fusoliera fosse più lunga ecco che alcune manovre diventerebbero più semplici (ma una riproduzione è una riproduzione!)

In conclusione posso solo che consigliarlo come modello acrobatico, possibilmente lo affiancherei ad un modello 3D in EPP da “battaglia”. Il modello è fatto bene e resistente ma pur sempre in costruzione classica, quindi un impatto non viene perdonato…


Extra 330S Flinton 04

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...